header 07

I perché dell’energia dal legno

Per il clima

Riscaldare con la legna!

Dagli anni ’90, in seguito allo sviluppo tecnologico ma anche grazie a misure mirate di politica energetica e a una crescente sensibilità della popolazione nei confronti dell’ambiente, l’utilizzo del legno a scopo energetico è nuovamente aumentato. L’energia dal legno contribuisce attualmente (2016) al 4.2% del fabbisogno totale di energia e al 10,6% della richiesta di calore, tornando così ad avere un ruolo principale nel mix energetico svizzero. Inoltre, l’imminente ristrutturazione del settore energetico suggerisce che in futuro la seconda più importante fonte di energia rinnovabile della Svizzera continuerà a crescere nel mercato del riscaldamento.

Prospettive future per l’energia del legno

Effetto serra, spreco di energia, penuria di materie prime e dipendenza dall’estero – ecco alcuni problemi al centro della nostra politica energetica. Tra le possibili risposte figurano le energie rinnovabili e più in generale la sostenibilità. Questo è importante anche dal punto di vista dell’inquinamento atmosferico. Fra tutte le energie rinnovabili, l’energia del legno è quella che nei prossimi anni può contribuire maggiormente ad un approvvigionamento energetico sostenibile del nostro paese.
La produzione di energia fossile richiede diverse centinaia di milioni di anni, mentre noi saccheggiamo e bruciamo queste scorte nel giro di poche generazioni. Si emettono sostanze inquinanti e si provoca il surriscaldamento del clima. Il legno invece si rinnova, assorbendo la stessa quantità di CO2 che viene emessa con la sua combustione.