header 07

Sull'energia dal legno

Canne fumarie e condotte dei gas di scarico

Canne fumarie e condotte dei gasi di scarico

Il camino, o condotta dei gas di scarico, questa la denominazione ufficiale da inizio 2005, rappresenta uno dei componenti più importanti di ogni riscaldamento a legna. Esso ha lo scopo di evacuare e diluire in atmosfera i gas di scarico. Il camino è importante anche perché costituisce il biglietto da visita dell’impianto e spesso è l’unico elemento che indica dall’esterno la presenza di un sistema di riscaldamento. A volte ha pure altre funzioni. Il camino di un riscaldamento a legna moderno si inserisce in modo discreto e armonioso nel suo ambiente. E siccome i riscaldamenti a legna odierni si basano su una combustione efficiente e pulita, anche il tempo dei pennacchi di fumo e degli odori sgradevoli appartengono al passato.

Per informazioni ulterieuri consultare www.skav.ch

La pulizia del camino

Lo spazzacamino come portafortuna? Nel Medioevo, le grandi città erano spesso devastate da terribili incendi. Grazie al lavoro degli spazzacamini era possibile evitare l'incendio dei camini e quindi proteggere molte famiglie da tragedie e dalla miseria. Ancora oggi, lo spazzacamino contribuisce ad evitare gli incendi e a garantire un funzionamento degli impianti efficiente dal punto di vista energetico e rispettoso dell'ambiente.

Il lavoro dello spazzacamino

La pulizia regolare della caldaia da parte dello spazzacamino assicura il mantenimento di un buon rendimento energetico dell'impianto e quindi fa risparmiare combustibile (minori spese di esercizio). Uno strato di fuliggine di 1,5 mm è sufficiente a provocare un aumento del consumo di combustibile del 6%. Inoltre, i prodotti di pulizia impiegati neutralizzano gli aggressivi composti di zolfo  che si depositano sulle pareti della caldaia.  Questo ne allunga la vita e posticipa di anni l'investimento per la sua sostituzione. Il vostro spazzacamino di fiducia è volentieri a disposizione per tutte le questioni riguardanti la protezione anti-incendio, il risparmio energetico e la gestione dell'impianto. 

Prescrizioni di legge

Frequenza della pulizia

L’autorità cantonale competente fissa la frequenza minima per la pulizia degli impianti, tramite il “Decreto esecutivo concernente la pulizia periodica degli impianti calorici a combustione”. Indipendentemente da questo decreto, è opportuno valutare singolarmente la necessità di pulizia per ogni impianto, in base al suo impiego e al grado di sporcizia. Nei nuovi impianti, spesso di dimensioni contenute, durante il periodo più freddo sulle superfici di scambio termico possono depositarsi delle incrostazioni solforose e dei resti di combustione. Questo può provocare un malfunzionamento del sistema e far aumentare il consumo di combustibile.

Obblighi dei proprietari

  • Ogni proprietario di stabili e/o gestore è responsabile per far eseguire la pulizia regolare degli impianti (principio di responsabilità).

Diritti e doveri dello spazzacamino

  • Lo spazzacamino è responsabile per la pulizia degli impianti a combustione conforme alle esigenze di legge.

  • Gli interventi di pulizia devono essere annotati dallo spazzacamino nel quaderno di controllo dell’impianto, con data e firma.
  • Lo spazzacamino deve notificare al proprietario / gestore e annotare nel quaderno i guasti e le situazioni non conformi o pericolose.
  • Situazioni particolarmente pericolose o impianti non conformi malgrado ripetute segnalazioni vanno segnalate dallo spazzacamino alla polizia del fuoco del Comune.
  • I proprietari / gestori che si oppongono alla pulizia degli impianti conforme alla legge vengono segnalati al Comune da parte dello spazzacamino.

Per informazioni ulterieuri consultare www.spazzacamino.ch

Torna sù